Atelier prof.         arch. Marc-Henri Collomb

Assistenti            arch. Carlotta Fantoni, arch. Enrico Molteni

Critici invitati      arch. Nicola Braghieri, arch. Henk Hartzema


BAC2 Semestre Autunnale 2010-11

Milano

depositi tram vs. alloggio collettivo


Per continuare la nostra trilogia lombarda, abbiamo scelto la rete di superficie dei tram milanesi con i suoi quattro depositi; questo social network di utenti urbani è stupefacente. In primo luogo perché essa collega fisicamente gli abitanti, ne modifica i comportamenti, ne influenza le attività, ma anche perché le infrastrutture che essa richiede, i depositi-officina, occupano efficientemente l’isolato, a tal punto che gli spazi residui non sono più localizzati al centro dell’area, come di consuetudine nei quartieri residenziali, bensì sul perimetro dello stesso, cioè sulla strada. Questi spazi residui racchiudono un potenziale inaspettato sia per accogliere un programma abitativo sia per dare nuovo valore alle esistenti strutture dei depositi che, in un futuro prossimo, quando le officine dei tram saranno spostate in periferia a causa dell’aumento del valore dei terreni o dell’utilizzo di nuove infrastrutture che avranno bisogno di spazi maggiori, tali strutture potranno essere riutilizzate a scopo pubblico (ad es. mercato coperto, teatro, centro culturale, etc.). Tale processo fa parte della storia della città, luogo in costante trasformazione, che dimostra senza ambiguità la sua fantastica flessibilità e capacità di evoluzione e di adattamento alle mutevoli necessità dei suoi abitanti.

Atelier_Collomb_-_Deposito_Tram_-_Baggio.html
Atelier_Collomb_-_Deposito_Tram_-_Messina.html
Atelier_Collomb_-_Deposito_Tram_-_Leoncavallo.html
Atelier_Collomb_-_Deposito_Tram_-_Ticinese.html
HOMEhttp://ateliercollomb.ch/